Translate

mercoledì 21 dicembre 2016

Controllare l'activation dei punti vendita con una app.

Tra le diverse app. molto utili per le aziende ho individuato Be Me Eye, un app. che gira sia su Android che su Ios. Si tratta di una applicazione che permette alle aziende di ridurre i costi per verificare la corretta applicazione delle linee guida nell'activation dei punti vendita come ad esempio Bar, Agenzie di viaggio, Negozi di informatica etc. etc.. Sfrutta il crowdsourcing e l'evoluzione tecnologica degli smartphone. Ormai la penetrazione degli smartphone in italia è molto alta 75,7%  (fonte:Rapporto Eurispes 2016) e quindi i possessori di smartphone  e potenziali "merchandiser"o "mistery shopper"  dell'app sono distribuiti su tutto il territorio permettendo costi di spostamento ridottissimi per raggiungere il punto di vendita da visitare.  Le aziende incaricano Be My Eye per controllare l'effettiva implementazione delle loro campagne come la presenza degli espositori, l'esposizione del prezzo al pubblico piuttosto che la presenza di un promoter durante il week end. Be My Eye attraverso la sua app lancia il job, chi ha scaricato l'app riceve gli avvisi dei job vicino alla sua posizione  e decide se prenotare il job, una volta prenotato il job si reca presso il punto vendita seguendo le dettagliate istruzioni indicate nel job;  a seconda dei casi dovrà scattare foto, rilevare i prezzi, intervistare il personale. Una volta completato il lavoro invierà sempre attraverso l'app. tutto quello che ha rilevato, Be me Eye verificato la qualità del lavoro riconoscerà al "Lavoratore" l'importo promesso nel job.

La solita app tra le tante ? No l'idea è veramente intelligente perchè ha raccolto una reale esigenza delle aziende nell'ottimizzare i costi ed accellerare il processo di verifica e i numeri sono dalla parte di Be Me Eye:

  • 369.000 circa sono gli eye che hanno scaricato l'app tra italia ed altri paesi europei,
  • 378000 negozi visitati 
  • 6,5  milioni di euro  è l'ultimo finanziamento ottenuto a maggio 2016 (fonte: sole 24 ore).
Questo è un altro esempio di come la trasformazione digitale continua a creare nuovi modelli di business.

Nessun commento:

Posta un commento